CIAO! COSA CERCHI IN VALTELLINA?

18/06/2024

S. Gervasio, S. Romualdo ab.

ACCESSO

Password Dimenticata?

Conferenza sul tema Agricoltura biologica di montagna

CONDIVIDI

08/05/24

Venerdì 10 maggio 2024 a Bormio da due GAS (gruppi di acquisto solidale) presenti sul territorio Valtellinese (GasStelvio e Gastellina) è stata una conferenza sul tema "Agricoltura biologica di montagna"

 

Si tratta della seconda serata di una serie di appuntamenti, aperti a tutta la popolazione, che hanno l'obiettivo di far crescere la consapevolezza in tema ambientale e di rapporto alimentazione-salute, sensibilizzando la cittadinanza, ed in particolare le nuove generazioni dell'importanza di portare avanti un'agricoltura il più possibile sana e rispettosa dell'ambiente.

 

Anche in Valtellina, come nel resto del territorio Nazionale, si assiste sempre più alla nascita di piccole aziende agricole che fanno del biologico e dell'agricoltura naturale il loro credo.

Piccole e medie aziende gestite quasi sempre da giovani, motivati e preparati come i relatori presenti alla serata di venerdì: Silvia Scieghi e Stefano Canzi, due giovani di Albosaggia,  titolari di un azienda agricola biologica, Alpes Agia che ci parleranno della loro esperienza come agronomi e come produttori e, al contempo, forniranno suggerimenti a chi si vuole avvicinare alle nuove tecniche agricole e di allevamento.

Ci saranno altri esponenti del panorama Valtellinese, come Patrizio Mazzucchelli dell'azienda agricola Raethia Biodiversità alpine e Michela Robustelli Della Cuna, giovane titolare dell'azienda agricola Le Colonie di Grosotto, che si dedica all’apicoltura nomade, con particolare attenzione alle fioriture di montagna.

Seguirà un dibattito aperto.

Il 18 aprile scorso, è stato organizzato un primo interessante evento con il Dott. Gusmeroli Fausto, incentrato sul raffronto tra Agricoltura industriale ed agroecologia. 

Qui il link per poter riascoltare la conferenza  https://www.youtube.com/@gasstelviogasstelvio

L'obiettivo è fare sinergia al fine di far crescere sia la consapevolezza dei cittadini che quella dei produttori, coltivatori e allevatori del territorio; dando allo stesso tempo risalto a chi già si impegna sul nostro territorio, per coniugare un'attività redditizia e che, allo stesso tempo offra una produzione di alta qualità nel rispetto di un futuro sostenibile per tutti noi e per il nostro prezioso territorio.