CIAO! COSA CERCHI IN VALTELLINA?

27/07/2021

S. Liliana, S. Aurelio

ACCESSO

Password Dimenticata?

Un modello vincente quello valtellinese tra sostenibilità e gioco di squadra

FOTO LATTERIA DI CHIURO ©

CONDIVIDI

16/07/21

La Valtellina, terra unica grazie alle sue numerose qualità. Quante ricchezze possiede questo territorio montano.

Il latte e i formaggi sono tra i prodotti più apprezzati.

I due formaggi DOP della Valtellina: il Bitto Dop e il Valtellina Casera Dop.
Somiglianti, ma assolutamente non uguali. .

Bitu in celtico vuol dire “perenne”, e si riferisce quindi a un formaggio di lunga conservazione (ma può indicare anche due valli e un torrente, quello del Bitto che ha scavato la Valgerola), mentre il termine Casèra in dialetto valtellinese indica la latteria dove si lavorano i formaggi e il burro, oltre al luogo di stagionatura.

Il Bitto lo si fa solo in estate, negli alpeggi. Il Valtellina Casera lo si fa tutto l’anno nei caseifici. Dal 1996, si celebrano i 25 anni, il Valtellina Casera e il Bitto hanno conseguito la Dop.

Il Consorzio Tutela Valtellina Casera e Bitto agevola l’attuazione della filiera corta: produzione, confezionamento e vendita nei loro step essenziali, senza gangli di intermediazione. Attenzione crescente quanto provvidenziale sugli equilibri sociali e sulla corretta ed equa retribuzione della materia prima.

Ma parliamo di numeri...

Produzione di Valtellina Casera Dop di circa 17mila quintali, per un totale di 227mila forme. Ogni forma di Valtellina Casera Dop pesa 8kg circa.

Produzione di Bitto Dop di circa 2mila quintali, per un totale di 17mila forme. Ogni forma di Bitto Dop pesa 13kg circa. Pertanto, una produzione complessiva di 19mila quintali, di cui 89% circa Valtellina Casera Dop e 11% circa Bitto Dop. Secondo gli ultimi dati diffusi dal Consorzio, il 2020 si è chiuso con 13 milioni di euro di fatturato, di cui l’85% rappresentato dal Valtellina Casera Dop e il 15% dal Bitto Dop.

Evidente quindi il maggiore apporto percentuale del Bitto Dop in termini di valore, stante il prezzo più alto rispetto al Valtellina Casera Dop. In un posizionamento delle due Dop sul mercato globale, posizionamento atto a non porli assolutamente in competizione, bensì in giunzione e quindi con più ampio spettro di appealing per i consumatori world wide, è agevole ipotizzare una collocazione del Bitto Dop nella fascia alta del canale Horeca e del dettaglio specializzato, ed una collocazione del Valtellina Casera Dop nella Gdo per un consumo prevalentemente domestico.

Fonte italiaatavola.net