CIAO! COSA CERCHI IN VALTELLINA?

11/05/2021

S. Fabio martire

ACCESSO

Password Dimenticata?

Finalmente il mio primo lavèc

FOTO CALENDARIO VALTELLINESE ©

CONDIVIDI

BLOG | 13/04/21 - Sondrio

logo Lavec la pietra ollare VISITA LA PAGINA DELL'AZIENDA!

Ci sono donne che amano ricevere gioielli, abiti, scarpe, borse…

E ci sono donne che amano accessori utili per la cucina.

Non che io disdegni la prima categoria, sia ben chiaro, ma lo scorso Natale ho optato per la seconda ...

Era da tanto che sognavo di possedere un “lavec”, poi da quando ho conosciuto il “malenco”Nicola Bagioli de il Lavec, e ho visto come li produce, non ci sono stati più dubbi.

Sergio mi ha accompagnato a scegliere la misura più adatta alle mie esigenze, il tipo di manici e di coperchio.

Ho scelto la copertura in vetro con solo il pomello in sasso, perché mi piace vedere il cibo che cuoce in questo fantastico “giaciglio” in pietra ollare e poi…è meno pesante di quello totalmente in pietra.

Proprio per questa richiesta, viste il periodo di festa e le varie chiusure per lockdown, il mio lavec arriva qualche tempo dopo.

Ma ho detto a Nicola che non avevo fretta. Per un regalo così prezioso potevo ancora aspettare.

Finalmente quando mi chiama (fortunatamente sono sulla sua strada di casa), vado ritirare il mio pesante fardello regalo, con tanto entusiasmo, come una bambina che aspetta un giocattolo nuovo.

Non vedo l’ora di metterlo in funzione.

 

 

Mi viene consegnato avvolto in una borsa personalizzata Lavec con tanto di biglietto di ringraziamento e istruzioni per l’uso.

Ricordo che mia mamma ne possedeva uno ma che poi si era rotto, forse si era crepato perché nessuno aveva spiegato come trattarlo.

Poi in casa non era stato più rimpiazzato, quindi io non ho mai avuto occasione per usarne uno.

Tratto il mio Lavec di 24cm, seguendo “religiosamente” le istruzioni e lo collaudo con le mie prime costine al Lavec.

Fantastiche, senza bisogno di aggiungere grassi e condimenti, tenerissime e soprattutto gustose e saporite come non erano mai riuscite cucinandole nelle classiche pentole.

Segue lo spezzatino, poi il risotto, il minestrone, zuppe varie, carni diverse, pesce.

Ogni volta alla curiosità di conoscere il risultato, segue sempre una grande soddisfazione.

Sapori e profumi unici assolutamente da provare...

Perché non prenderlo prima…ma ogni cosa arriva a tempo debito. Dicono…

E per il lavaggio, solo acqua calda e aceto.

Le proprietà del Lavec sono innumerevoli e tra le principali c’è proprio la cucina naturale senza grassi che esalta il gusto delle pietanze.

Ci si può cucinare la pizza, il pane e anche i popcorn!!

Chi ha la fortuna di avere una stufa può sfruttare il suo calore per una cottura ancora più lenta casalinga per un cibo che ci riporta ai sapori di una volta.

Sul sito il Lavec di Nicola, trovi tutti le sue realizzazioni e tante info utili sulla pietra ollare, sulle sue caratteristiche e alcune ricette per cucinare piatti deliziosi.

Commenti