CIAO! COSA CERCHI IN VALTELLINA?

12/12/2018

S. Giovanna F.

ACCESSO

Password Dimenticata?

DIverso è solo il punto di vista

07/11/18

CONDIVIDI

EVENTI IN Sondrio

logo CSV Monza Lecco Sondrio Centro di servizi per il volontariato VISITA LA PAGINA DELL'AZIENDA!

Mercoledì 7 novembre a Sondrio si terrà il corso "Diverso è solo il punto di vista" .Le persone con disabilità non sono né poverette né speciali: le parole giuste per informare. 

L'incontro si terrà dalle ore 9.30-13.30 c/o Sala delle Acque del BIM (Lungo Mallero Diaz, 18)

Referente: CSV Monza Lecco Sondrio/ CSVnet Lombardia

Argomenti: Disabilità e linguaggio tra etica e informazione. Dagli aspetti deontologici, culturali e storici all'utilizzo di una terminologia corretta quando si parla di persone con disabilità. Raccontare e tutelare la disabilità al di là dei luoghi comuni, delle rappresentazioni e dei pregiudizi.

Docenti: 

  • Stefano Trasatti, direttore editoriale di SuperAbile Inail e responsabile Comunicazione di CSVnet, ha diretto il network Redattore Sociale fino a marzo 2016 e ha organizzato dal 1994 gli omonimi seminari di formazione per i giornalisti. Ha coordinato i progetti “Parlare Civile” e “Questione d’immagine” sul linguaggio e le immagini da usare nel racconto dei temi sociali più a rischio di discriminazione. Rapporto tra comunicazione e disabilità: dal diritto all’informazione ai linguaggi da utilizzare per parlare di disabilità. Approfondimento del Testo Unico dei Doveri del giornalista e della Legge sulla Privacy.

Persone, non parole. Il vocabolario della disabilità: progetto Parlare civile 

Presentazione di video e campagne sociali sul tema.

  • Matteo Schianchi, con un dottorato in storia sociale della disabilità presso l'Ehess di Parigi, svolge attività di ricerca presso la facoltà di scienze della formazione R. Massa dell'Università degli studi di Milano-Bicocca. È autore di "La terza nazione del mondo. I disabili tra pregiudizio e realtà" (2009) e "Storia della disabilità. Dal castigo degli dei alla crisi del welfare" (2012).

Dalle rappresentazioni storiche della disabilità alla necessità di costruire nuove raffigurazioni, a partire dalla stampa, per evitare nuove forme di stigmatizzazione, spettacolarizzazione o vane identificazioni di diritti e necessità. 

  • Giovanni Merlo, direttore della Ledha-Lega per i diritti delle persone con disabilità

Persone con disabilità? Fammi capire…

La comunicazione come strumento per rappresentare in modo adeguato le condizioni di vita e i diritti delle persone con disabilità. 

Disabilità fa rima con “diritti umani” e non con il semplice diritto alla cura e all’assistenza.

  • Claudio Arrigoni, giornalista del blog InVisibili del Corriere della Sera 

Viviamo in una società che fissa i confini e non accetta i limiti: come narrare le storie che hanno per protagonisti persone con disabilità e quale impatto viene generato nell'opinione pubblica.
Le parole giuste per raccontare la disabilità.

Presentazione dei progetti:

  • “Tuttidappertutto” per rendere le montagne della provincia di Sondrio accessibili e accoglienti, da barriera a risorsa che non esclude nessuno;
  • “Tikitaka” per scardinare i luoghi comuni sulla disabilità dando vita ad una comunità che crede nel valore sociale delle persone con disabilità (provincia di Monza Brianza);      
  • Laboratori di espressività con il Soundbeam per trasformare il movimento in suono e permettere a ragazzi con disabilità di mettere in scena vere e proprie opere musicali/teatrali (provincia di Lecco).

Per maggiori informazioni i.pusterla@csvlombardia.it   - 0342 21 00 71

Sondrio 23100 SO